I dati sono fatti (e sono lì per essere letti)

Copertina di Social winnerUn’ottima lettura per capire meglio sia come è stata vissuta in rete e in particolare su twitter la campagna elettorale per le politiche di febbraio 2013, sia come affrontare l’analisi delle discussioni che in rete avvengono.

Partendo dai dati raccolti attraverso il progetto Italia2013 coordinato da Riccardo Luna e Marco Pratellesi, gli autori hanno provato a fornire in questo ebook una delle possibili chiavi di lettura degli sviluppi on line avuti dalla campagna elettorale Continua a leggere “I dati sono fatti (e sono lì per essere letti)”

Tutta colpa della sinistra? Pietro Ichino sulle riforme del sistema pensionistico e del mercato del lavoro targate Monti – Fornero

More about Dopo il terremoto Fornero (XS Mondadori)

Nel Paese in cui vorrei vivere, il professor Pietro Ichino sarebbe ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali e tutto funzionerebbe a meraviglia, ma quello è un Paese ideale e non l’Italia di oggi, non quella che abito io almeno.
Questo lungo articolo pubblicato come ebook chiarisce le posizioni dell’autore su lavoro, politiche sociali e rapporti con il suo (ora ex) partito, il PD guidato da Bersani, dopo gli interventi del governo Monti su sistema pensionistico e mercato del lavoro e si tratta di posizioni largamente ragionevoli e condivisibili:

  • le giovani generazioni stanno pagando per il benessere di quelle precedenti (vale per il sistema pensionistico come per i contratti di lavoro);

Continua a leggere “Tutta colpa della sinistra? Pietro Ichino sulle riforme del sistema pensionistico e del mercato del lavoro targate Monti – Fornero”

Dalla parte delle donne: niente più scuse

Potrebbe essere una raccolta di racconti dell’orrore e invece è la cronaca di una tragedia quotidiana e ininterrotta: è un libro meraviglioso per capire e per riflettere, per mettere a nudo la verità e non avere più scuse sui femminicidi, sulla violenza psicofisica sulle donne e su tutte le barriere che la società italiana – in ogni parte del Paese – ancora pone alla piena realizzazione della parità di genere, alla piena realizzazione delle donne e alla loro sicurezza. Iacona e la sua redazione conducono un’inchiesta cui è impossibile restare indifferenti: non può mancare empatia verso le vittime degli abusi … Continua a leggere Dalla parte delle donne: niente più scuse

Non mi ricorderò quasi niente

L’ho letto per caso e non avevo molte aspettative. Non mancano arguzia, sagacità e un paio di frasi memorabili, ma il libro ha tutti i limiti degli zibaldoni dello stesso genere, quelle raccolte di articoli, riflessioni e scritti vari che risultano piacevolissimi e interessanti se letti nel tempo, come rubriche su un quotidiano, una rivista periodica o un blog, spesso divenendo un appuntamento imperdibile con l’autore, ma mostrano tutti i loro limiti e la loro autoreferenzialità una volta selezionati e racchiusi in un volume. Leggetelo, se adorate Nora Ephron e volete sapere davvero tutto di lei, della sua vita e … Continua a leggere Non mi ricorderò quasi niente

La battaglia per la libertà di espressione: Salman Rushdie racconta in prima persona a BookCity la sua esperienza degli anni della fatwa

Salman Rushdie e Mario Calabresi al Teatro Franco Parenti per BookCity

Si conclude oggi la prima edizione – la numero zero – di BookCity, manifestazione che nelle intenzioni del comitato organizzatore deve restituire a Milano il ruolo di capitale dell’editoria nazionale. Nel nutritissimo cartellone degli appuntamenti (circa 350 – sparsi dal centro alle periferie – in 3 giorni) che ha portato in città convegni, mostre reading e altri eventi nel segno dei libri, non sono mancati gli incontri con gli autori, una vera e propria manna per i lettori che hanno potuto vederli e ascoltarli dal vivo. Non sono mancate le presenze di grandissimi autori internazionali, tra i quali Salman Rushdie di cui la casa editrice Mondadori ha di recente pubblicato il memoir Joseph Anton, un libro in cui racconta i difficili anni della vita in clandestinità cui era stato costretto dalla “fatwa” pronunciata dall’ayatollah iraniano Khomeyni per aver scritto I versi satanici.

Di seguito, una cronaca – fatta a partire dai tweet che avevo annotato – dell’incontro-intervista con il direttore della Stampa Mario Calabresi e Salman Rushdie, che si è tenuto alle 11 di questa mattina nella Sala Grande del Teatro Franco Parenti di Milano, dal titolo La battaglia per la libertà di espressione: Salman Rushdie ci racconta in prima persona la sua esperienza degli anni della fatwa. Continua a leggere “La battaglia per la libertà di espressione: Salman Rushdie racconta in prima persona a BookCity la sua esperienza degli anni della fatwa”