Internet

Culturalmente siamo messi male secondo il rapporto ISTAT, vero? Collega: Ti passo una persona per un ordine dal sito. Cliente: … Io: Buongiorno, come posso aiutarla? Cliente: Ho sbagliato, devo disdire. Io: Mi scusi? Cliente: Ho prenotato dei libri, per errore, non mi servono. Io: Può indicarmi su quale sito ha fatto l’acquisto? Cliente: Su Internet. Io: Sì, su quale sito? Cliente: Su Internet: ho scritto [CASA EDITRICE] e ho prenotato questi libri. Io: Va bene, ha ricevuto l’email di conferma dell’ordine? Cliente: No. Io: Non ha una ricevuta dell’ordine? Cliente: No, ho fatto su Internet. Io: Per ogni ordine … Continua a leggere Internet

#Canzonette politico-filosofiche e morali

#Canzonette politico-filosofiche e morali. “questa nazione è brutta / ti fa sentire asciutta / senza volontà… /così se vuoi cambiare / invece resti uguale per l’eternità.” “il tuo diploma in fallimento è una laurea per reagire.” [Cfr. ‘Fail better’ cit. Samuel Beckett] “sai fingere bene / ma so che hai fame.” [Cfr. ‘Stay hungry, stay foolish’ cit. Steve Jobs] Continua a leggere #Canzonette politico-filosofiche e morali

The fastest growing publishing company of the year 2013

Tra i progetti che ho seguito e curato quest’anno, ce n’è uno che ho particolarmente a cuore e che ritengo sia ben riuscito: l’avviamento dell’attività editoriale di Libromania (sito web: www.libromania.net), un editore nativo digitale, nato per dialogare con il mondo del self publishing, riaprire un canale diretto tra aspiranti autori ed editori, assistere nella pubblicazione le voci più interessanti con interventi in fase di editing, publishing, produzione e marketing.

Continua a leggere “The fastest growing publishing company of the year 2013”

Perché lo status quo ci piace così tanto?

Ma cos’è questo putiferio sulle parole dela Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini? Possibile che appena uno dica qualcosa – magari non inappuntabile – contro lo status quo culturale di questo Paese (e lo scrivo con la maiuscola nonostante il degrado in cui ci accontentiamo di vivere) ci si debba mettere a cavillare, invece di andare al cuore del problema (o, se preferite, invece della Luna si fissa il dito che la punta)? Aggiornamento di giovedì 25 settembre, ore 8.20 Davvero si parlava solo di mettere un piatto in tavola? A me parevano parole sulla reiterazione degli stereotipi e … Continua a leggere Perché lo status quo ci piace così tanto?

Jhumpa Lahiri, Cécile Kyenge, l’Italia e i migranti

La storia di ogni Paese si costruisce attraverso una serie di metamorfosi. Il momento in cui avviene la trasformazione è sempre carico di tensione, di paura. È necessario superare la paura di perdere la propria identità per riuscire ad accogliere lo straniero e arrivare insieme a un nuovo approdo. (Jhumpa Lahiri, Un Paese che rispetti i migranti, la Repubblica 28/07/2013) Continua a leggere Jhumpa Lahiri, Cécile Kyenge, l’Italia e i migranti

Se avete deciso di fare a meno degli elettori, ditelo

Non ho capito quale risultato confermerebbe lo schema delle “larghe intese” secondo il Presidente del Consiglio Enrico Letta: la frenata del Movimento Cinque Stelle? (può darsi); quella di Lega e centrodestra? (qui la tesi comincia a scricchiolare); le vittorie del centrosinistra che non fa alleanze anomale e che ormai a livello locale preferisce tener lontani dalle campagne elettorali i dirigenti nazionali? (attenzione, pericolo di crollo); l’alta percentuale di astenuti, che notoriamente si verifica come conseguenza dell’entusiasmo dei cittadini verso l’operato della classe politica (speriamo non si sia fatto male nessuno nello schianto). Ma davvero pensate che fingere così spudoratamente di … Continua a leggere Se avete deciso di fare a meno degli elettori, ditelo